Foto di Andrea Laurenzano

“Pis trechi glìgora de thorì tìpote”, Chi va veloce non vede nulla.”

Introduzione:

Nella punta estrema della penisola italiana, tra il mar Tirreno e il mar Ionio, all’interno del Parco Nazionale dell’Aspromonte, vive la minoranza linguistica dei Greci di Calabria. Il trekking proposto offre la possibilità di conoscere questo angolo del Sud Italia lontano da un turismo di massa, dove la “grecità” è ancora vissuta nei volti della gente, nell’idioma greco che ancora si ascolta nei pittoreschi borghi di Gallicianò, Bova e Roghudi, nei ruderi delle infinite chiesette bizantine, nella musica tradizionale e nella cucina dai forti sapori. Si cammina lungo antichi sentieri che attraversano un paesaggio selvaggio caratterizzato da picchi, foreste, bergamotti, fiumare e adornato di splendide fioriture

 

Durata del Trekking:

7 giorni / 6 notti.

 

Soggiorno e Vitto:

Prima colazione in Hotel/BB. Partenza per il Porto di Roccella Jonica. Escursione con l’ archeologo subacqueo a Riace, sito di ritrovamento dei Bronzi, con il racconto dello straordinario evento, per poi navigare fino a Monasterace, sito dell’antica città greca di Kaulon, dove si trova una vasta area archeologica sommersa con oltre 200 rocchi di colonne ed elementi architettonici a 4/6 metri di profondità. Con maschera, tubo e pinne, si scopriranno le meraviglie del Mar Jonio. Rientro in Hotel/BB. Cena e pernottamento

 

Escursioni:

si tratta di un trekking non estremo, con camminate che non presentano particolari difficoltà. Si consiglia comunque qualche escursione di allenamento prima di partire. Sono previste dalle 4 alle 6 ore di cammino al giorno.

 

Bagaglio:

si cammina tutti i giorni con zaino leggero.

Programma

 

1°giorno: Benvenuti nell’ Aspromonte Greco e nella terra del Bergamotto!

Incontro con la guida alle ore 14,00 presso la stazione FS Centrale di Reggio. Transfert (45’) di persone e bagagli ad Amendolea di Condofuri (RC) per sistemazione presso l’azienda agrituristica “Il Bergamotto”, produttrice del Bergamotto biologico. Accoglienza e presentazione del programma di viaggio. Cena e pernottamento in Agriturismo.

 

2° giorno: Gallicianò, il borgo più Greco d’Italia e patria Etno-Musicale grecanica.

Prima colazione. Escursione a piedi di 2 ore 30’ con partenza dall’azienda agrituristica “Il Bergamotto”: azienda agrituristica il Bergamotto” (mt.120) / fiumara Amendolea (mt.120) /
m. Maradha (mt.463) – Palazzine (mt.553) – Gallicianò (mt.621) (Gallicianò, all’interno del parco nazionale: il paese più Greco d’Italia, patria etno musicale grecanica). Pranzo a Gallicianò. Dopo pranzo visita alla chiesetta Ortodossa ed animazione etno musicale grecanica. Successivamente, escursione a piedi di 2 ore 30’ sulla fiumara Amendolea partendo a piedi da Gallicianò: Gallicianò (mt.621) – fiumara Amendolea località Oleandri/ruderi mulino Focolio (mt.253) – Amendolea (mt.120). Cena e pernottamento all’azienda agrituristica “Il Bergamotto”

 

3° giorno: Il Museo Nazionale di Reggio Calabria e Pentedattilo.

Prima colazione. A seguire trasferimento a Reggio Calabria per visita guidata della città e del Museo della Magna Grecia dove sono custoditi i famosi Bronzi di Riace. Passeggiata sul lungomare della città: il più bel chilometro d’Italia (D’Annunzio). Pranzo libero. Nel primo pomeriggio trasferimento (45’) a Pentedattilo, dal greco Pentedàktylos, cinque dita. Il piccolo paese semi-abbandonato, vero gioiello etno-archittettonico, mantiene inalterato il suo fascino e costituisce un vero patrimonio storico da conoscere e tutelare. Visita guidata del borgo con breve passeggiata tra le caratteristiche “viuzze”. Rientro (45’) in agriturismo per cena e pernottamento.

 

4° giorno: verso la Chora (Città) dell’area grecanica!

Prima colazione e consegna del pranzo al sacco. Visita guidata all’azienda produttrice del bergamotto, famoso agrume che cresce soltanto in questa area e in nessun altro luogo del mondo; da questo singolare agrume, dalla forma di un’arancia e dal colore del limone, si estrae dalla buccia un olio essenziale che viene utilizzato quale fissatore di tutti i componenti dei profumi, ma anche utilizzato in cosmesi e nei prodotti dolciari. A seguire escursione con partenza dall’azienda agrituristica “Il Bergamotto”: Amendolea (mt.120) / M. Brigha (mt.610) / Bova (mt.850). Tempi escursione: circa 4 ore.
Bova è la Capitale dell’Area Grecanica, è il centro storico più importante e ben conservato dei Greci di Calabria; cordiale è l’ospitalità dei suoi 500 abitanti. Sistemazione in appartamenti (B&B e case dell’Ospitalità Diffusa) muniti di servizi. Cena tipica presso il ristorante Grecanico della Coop. San Leo. Pernottamento a Bova.

 

5°giorno: Il caratteristico ed intrigante borgo abbandonato di Roghudi.

Prima colazione e consegna del pranzo al sacco. Escursione: loc. Polemo di Bova (alt. 810 mt.) / loc. Mandùddhuro (mt 831) / loc. Lestizi (alt. 662 mt.) / loc. Spartusa (alt. 671 mt.) / Lo. Pecorella (alt. 859 mt.) / Vecchia Strada (1005 mt) / Fiumara Amendolea (mt 338) centro di Roghudi vecchio (527 mt). Da Roghudi transfer in 30’ a Bova con sosta turistica alle curiose e singolari conformazioni rocciose di: “Rocca del Drago” e “Caldaie del Latte”.
Tempi escursione: circa 6 ore. Cena e pernottamento a Bova.
Dopo cena: Festa musicale grecanica con musica e balli tradizionali.

 

6° giorno: sulla via del vino e del Mare Jonio!

Prima colazione e consegna del pranzo al sacco Escursione: Piazza Roma di Bova (mt.820) / zona alta Fiumara San Pasquale (mt 420) / Monte Agrappidà (mt.690) / Palizzi superiore (mt.272); tempi escursione: 6h soste comprese. All’arrivo visita del caratteristico borgo “presepe” della Calabria Greca e successivamente al tipico “Catoio” (antica cantina), per la degustazione del tipico vino di Palizzi. Successivamente rientro a Bova con possibile sosta per bagno nel mare Jonio. Cena e pernottamento a Bova.

 

7° giorno: visita di Bova e partenza

Prima colazione. Visita turistico-storica ed archeologica al fiorente centro storico di Bova, Uno dei Borghi più Belli d’Italia, con i suoi Pazzi nobiliari, le caratteristiche viuzze, il Santuario di San Leo, la Cattedrale e i ruderi del Castello Normanno. A seguire visita del Museo della lingua Greco-Calabria “Gerhard Rohlfs”. La visita a questo originale museo consente di conoscere più da vicino la lingua greco-calabra, la sua storia e le sue origini arcaiche.
Trasferimento alla stazione di Reggio Calabria e fine del tour.

 

Note:

il programma sopra indicato potrà subire delle modifiche in caso di condizioni meteo avverse o su indicazioni della guida. Sono previsti dei momenti di musica e balli tradizionali.

Italiano